Breve guida alla coltivazione delle idee

Una semplice e breve guida per far diventare una piccola (buona) idea una grande pianta rigogliosa capace di dare buoni frutti (e nuovi semi).

Selezionate e prendete il seme di una buona idea.

Come capire se un seme è il seme di una buona idea?

Di solito non lo trovate tra le erbacce, raramente è in un bel pacchetto, spesso è bello rotondo, gira bene nelle mani, ma è diverso da quelli con cui avete a che fare normalmente. Pochi ce l’hanno e di solito chi non ce l’ha ne evidenzierà tutti i difetti: è troppo piccolo, ha un colore strano, da un piccolo seme viene una piccola pianta …e così via.

Una volta che avete il seme mettetelo in un contenitore adatto, non troppo piccolo, ma nemmeno troppo grande, altrimenti -come si dice- si spaventa; ponetelo a un paio di centimetri dalla superficie, di meno sarà troppo esposto alle intemperie, di più farà fatica a venire fuori.

Innaffiatelo regolarmente con della sana passione, finché non inizia a mettere radici e a germogliare.

A questo punto esponetelo alla luce, non troppo forte o si brucerà.

Accostategli un sostegno a cui appoggiarsi e crescere bello diritto e continuate a innaffiare regolarmente.

Potete dargli del fertilizzante, ma attenzione al tipo e alla quantità: potrebbe non sortire i risultati che desiderate.

In questo periodo il vostro germoglio avrà bisogno di molta attenzione, ma vi darà molte soddisfazioni con i suoi progressi quotidiani.

Aspettate che cresca e si irrobustisca; a questo punto potete riporre la pianta in un vaso più grande e poi anche trapiantarla in terreno buono. Fate attenzione all’ambiente circostante, che non ci siano altre piante a soffocarla o altri elementi che ne possano limitare la crescita e lo sviluppo. Il buon giardiniere di idee sa prestare attenzione, cogliere i segnali di disagio e porvi rimedio.

Quando l’idea sarà ben sviluppata non avrà bisogno della stessa continua attenzione e sarà in grado di crescere vigorosa anche con poche risorse però è  bene verificare periodicamente la sua salute, controllare se c’è bisgono di potare qualche ramo troppo pretenzioso, se ha acqua (passione) a sufficienza, se le occorre altro fertilizzante, che sia nella giusta posizione e riceva la giusta quantità di luce, e così via…

Presto la vedrete fiorire e colorare il vostro giardino e quando i frutti saranno maturi potrete utilizzarne i semi per far crescere nuove idee, ma, se la pianta è sana, non aspettatevi che producano un’altra pianta uguale a questa!

Vedi anche: Breve guida alla coltivazione delle idee (commentato)