Digital Transformation, proviamo a dare un senso?

E’ innegabile che una delle buzzword più abusate degli ultimi mesi sia Digital Transformation.

E’ altrettanto innegabile che dietro a queste due parole si apra un universo di possibili definizioni ed interpretazioni che non può fare altro che alimentare la confusione generale.

Nel tentativo di trovare una definizione più semplice possibile Giorgio Borgonovo ed io abbiamo provato a darne una basata sulla nostra esperienza e l’abbiamo condivisa su Wikipedia (https://it.wikipedia.org/wiki/Digital_transformation).

L’obiettivo era di identificare almeno i tratti caratteristici della Digital Transformation che per noi sono:

  1. E’ sistemica, ovvero coinvolge diversi domini i quali, se trattati separatamente, non porteranno il medesimo risultato che si può ottenere trattandoli come un insieme
  2. Ha come obiettivo finale di apportare un miglioramento significativo in ciascuno dei domini toccati dalla trasformazione
  3. Vede la tecnologia come un abilitatore ma non può essere limitata ad un nuovo approccio tecnologico
  4. Prevede la partecipazione attiva di un ecosistema di individui che va oltre la singola organizzazione

 

Questo è il primo risultato:

———————————————————————————————–

Con il termine Digital Transformation si indica un insieme di cambiamenti prevalentemente tecnologici, culturali, organizzativi, sociali, creativi e manageriali.

Agendo in maniera organica e combinata su questi elementi la Digital Transformation va oltre la semplice adozione di nuove tecnologie e permette di erogare servizi, fornire beni, far vivere esperienze, trovare, elaborare e rendere accessibili grandi quantità di contenuti indipendentemente dalla reale disponibilità di risorse (umane, materiali, intellettuali ed economiche, ecc.), creando pervasivamente nuove connessioni tra persone, luoghi e cose[1].

Il processo di Digital Transformation è abilitato dallo sviluppo di nuove tecnologie, ma non si limita alla loro adozione, esso integra e coinvolge tutto l’ecosistema toccato dal processo, incentivando la trasparenza, la condivisione e l’inclusione di tutti i partecipanti.

Grazie a questo nuovo approccio il destinatario finale del valore creato dalla Digital Transformation è di fatto al centro dello sviluppo se non addirittura partecipe dello stesso, ottenendo così un accesso effettivo, efficace e consapevole al servizio stesso sia esso costituito da beni materiali, immateriali o dati.

———————————————————————————————–

Sicuramente è un lavoro incompleto e non esaustivo, per questo chiediamo il contributo di tutti coloro che ne hanno voglia perché una cosa è innegabile: la Digital Transformation porta valore a chi ne viene coinvolto  e ci accompagnerà ancora per un bel po’ di tempo…