Il valore delle tecnologie digitali

Il valore digitale

Nel precedente articolo abbiamo visto che per impostare correttamente la propria strategia di sviluppo digitale è necessario comprendere quale sia il valore che stanno cercando i nostri clienti.

Per fare questo è possibile disegnare degli scenari che facciano percepire al cliente che sta comprando qualcosa che va ben oltre il prodotto o il servizio, ma che è il frutto di un’esperienza, intesa allo stesso tempo dal punti di vista di chi offre (la “storia, percorso” che ha consentito la creazione del prodotto e come “competenza, abilità”) e di chi acquista (l’esperienza che si vive nell’acquistare/usare il prodotto/servizio).

Si deve cioè cercare di spostare l’attenzione dal valore “nudo” del prodotto/servizio al fatto che il bene arriva con un’esperienza: il cliente deve sentire che sta comprando molto più di ciò che sta pagando.

Il “valore” che il cliente riconosce ad un determinato bene ha perciò diverse sfaccettature.

Il valore economico è quello che conosciamo meglio, misurato in termini di ritorno finanziario sul capitale investito.

Il valore intrinseco deriva da come i clienti, nell’usare il bene, guardano a sé stessi e da come si sentono quando lo usano.

Viceversa il valore estrinseco deriva dalla diversa percezione che i clienti hanno di sé rispetto agli altri quando usano il bene.

Il valore condiviso esiste quando sia l’azienda che la società o comunità locale beneficiano dall’attività (ad esempio società che investono nello sviluppo delle risorse locale).

Il valore sostenibile è quello che consente ad un’azienda di aumentare il proprio profitto nel tempo senza tuttavia consumare risorse limitate, usando, ad esempio. risorse rinnovabili e processi che non rovinino l’ambiente.

Il valore personale è il valore che gli individui cercano e ricevono dal lavorare o dall’essere in contatto con una certa azienda o dall’usarne i prodotti e servizi.

L’adozione di tecnologie digitali consente di andare oltre la mera fornitura di un prodotto o un servizio migliore o più economico, ma creano un più ampio spettro di “valore”. Il fatto che i clienti, le comunità locali e la società in generale chieda di più dalle aziende, dai prodotti e dai servizi fa sì che il significato e il contesto stessi di valore si espandano ben oltre il semplice concetto economico di prezzo e rendimento. Le tecnologie digitali offrono nuovi meccanismi di scelta al cliente ed è bene tenerne presente quando si definisce la strategia digitale.

L’impatto dovuto alle aumentate possibilità di scelta può essere molto forte sul pubblico e allo stesso tempo può consentire di ridurre la complessità interna e al contempo migliorare l’esperienza offerta.

Spesso le aziende si trovano a dover affrontare scelte divergenti che possono determinare il successo o il fallimento di un prodotto. Possono essere scelte di carattere estetico (forma, colore, ecc.) o di servizio (negozio fisico o virtuale). Le contraddizioni sono componenti difficili da gestire nella definizione delle strategie perché costringono a scelte del tipo “o l’uno o l’altro” dovute nella maggior parte dei casi a limiti fisici delle risorse e delle attività produttive.

Un modo di risolverle è di sviluppare una strategia in grado di consentire entrambe le scelte grazie all’uso delle tecnologie digitali in modo che possano essere una fonte di nuovo valore derivante dalla personalizzazione.