Perché devi pensare alla tua azienda come a un giardino

Se hai un giardino sai quanto lavoro richiede perché sia su misura per te, tuttavia il lavoro “di manovalanza” non è l’unica attività necessaria. In un’azienda non è molto diverso, vediamo se questo esempio vi ricorda qualcosa.

Innanzitutto devi fare un po’ di lavoro… a tavolino. Ad esempio devi decidere che cosa vuoi fare nel tuo giardino: vuoi solo gustarne la vista o vuoi passarci del tempo? Nel tempo che passerai in giardino cosa ci vuoi fare (oltre a coltivarlo, ovviamente!)? Rilassarti, leggere, mangiare, giocare? Saperlo in anticipo ti consente di scegliere la forma che gli darai e le piante che ci farai crescere.

Poi occorre fare il lavoro di manovalanza vero e proprio. Alcune piante andranno spostate da una parte all’altra per assecondare meglio le loro necessità. Bisognerà potare quelle più ingombranti per eliminare i rami morti e rendere più forti queli floridi. Si dovranno seminare e piantare nuove piante e togliere quelle morte o morenti. Tagliare l’erba. Dosare l’acqua. Arieggiare e ripulire il terreno…

Dopo tutto questo lavoro però bisogna anche fermarsi e guardare il proprio giardino e viverlo. Se non lo vivi ti ritroverai a fare solo i lavori meccanicamente e presto ti chiederai il “perché” hai un giardino. Inoltre non puoi vedere ciò che non va e quali aspetti vanno cambiati per migliorarlo, quali piante sono troppo ingombranti e quali stentano a crescere, e necessitano di maggiore cura. E’ vivendolo che capisci quanta acqua stanno ricevendo le piante e quanta ne necessitano realmente, se ci sono delle malattie che devono essere curate oppure se tutto sta andando a meraviglia e -finalmente- puoi rilassarti e godertelo come si deve.

Inizia a pensare come un giardiniere, la tua azienda sarà più… florida.